| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet

 INDIETRO 
“COSA CERCHI, O PROFANO…?”
Stampa questa pagina
Nel mirino del grillo
(l’importanza della Grande Loggia nel gioco della Pallamano in Nuova Zelanda)


15/05/2006 - ore 19:02

“Bene” disse il Venerabile Regionale al Sodale Provinciale della Pallamano nel più importante Sodalizio della Nuova Zelanda. “Trovati due profani Consiglieri e poi veditela tu col popolo…”
“Ma come posso fare? Nessuno accetterà un incarico che non conta nulla, non serve a niente e non è remunerato in alcun modo! Ricorderai, o Venerabile, che i Consiglieri Provinciali del Sodalizio sono gli unici che pagano per intero tutte le iscrizioni alle Gare, pure a quelle federali, e non percepiscono neanche un rimborso-spese…”
“Ma, in fondo, non devono fare neanche granché. Basta che tu dica ai Gestori dei Campi, quando si lamentano per la distribuzione delle Gare e minacciano di chiudere per bancarotta, che li hai consultati e che loro sono d’accordo… Tutto qui!”
“Già. Sembra facile! Ma, aspetta, Venerabile… Mi viene ora in mente che ci potrebbero essere due profani che fanno al caso nostro. Uno è relativamente giovane, onesto ed idealista, impegnatissimo col suo lavoro statale di una certa responsabilità: nell’ambiente è stimato come persona seria; l’altro, più anziano, è in pensione e pratica il Percorso di Pallamano, ma ha una faccia da gnocco e non capisce niente…”
“Perfetto” si illuminò il Venerabile. “Così uno avrà da fare per i fatti suoi e l’altro meno capisce e meglio è... Mentre loro se ne andranno in giro a proclamare che sono Consiglieri Provinciali, tu potrai fare e disfare quello che è meglio per noi, per il Sommo Federale, per il Venerabile Nazionale che ci ha messo qui a entrambi, per i nostri pingui interessi di bottega e di Palazzo… Insomma: potrai liberamente operare esclusivamente per il bene ed il futuro della Pallamano in Nuova Zelanda!”
“Ma… ma se…”
“Niente ma e niente se! Chiama i due profani appena puoi; dì loro che sono gli “Eletti” e falli giurare…”
“Ma…” continuò a balbettare il Sodale Provinciale “ma i giuramenti non si fanno nelle mani del Sommo…?”
“Non più! Adesso la delega -praticamente per tutto- è stata data alle Logge Regionali e noi abbiamo trovato finalmente quello che cercavamo da neofiti… Ricordi la formula del giuramento: “Cosa cerchi, o Profano?” e noi rispondemmo: “La Luce!”. Ora che finalmente è arrivata –sia pure per una smagliatura del sistema- cerchiamo di tenercela stretta questa benedetta Luce. Hai capito?”
“Sì, credo di sì… Ma il Sommo, allora…”
“Al Sommo interessa soltanto che, a fine anno, i conti sulla carta tornino e che l’immagine della “Grande Loggia della Pallamano” in Nuova Zelanda ne esca pulita e possa così essere per lui un biglietto da visita per scalare nuove vette, per aggiudicarsi altre poltrone…”
“Ma allora… lo Sport, i praticanti, i giovani da incoraggiare alla pratica della Pallamano? Che fine fà tutto questo in cui abbiamo sempre creduto e per il quale abbiamo sempre operato?”
“Sentimi bene, egregio nonché ingenuo Sodale Provinciale: non riesco a capire come tu sia campato finora, con questi ragionamenti da profano che continui a fare! Ma sappi che Madre Teresa è morta da tempo a Calcutta e anche i lebbrosi che voleva curare non se la passano poi tanto bene... A noi qui, in Nuova Zelanda, lontani dal resto del mondo e senza alcun controllo, a dirigere uno sport che chi lo pratica se lo paga da solo e anzi, con la tessera annuale di iscrizione alla Grande Loggia, ci paga lui a noi, ci potremo pure aggiustare due uova nel piatto o no?
Altrimenti che ci stiamo a fare? Perché solo noi dovremmo lavorare dove gli altri si divertono? Non siamo mica ginecologi…”
Il Sodale ascoltò perplesso, a capo chino, e non seppe più cosa rispondere. Allora il Venerabile -esperto della vita e del mondo molto più che di Pallamano- dopo averlo osservato alcuni istanti in silenzio, gli pose bonariamente una mano sulla spalla e con voce suadente gli fece: “Dammi retta, è così che vanno le cose. E poi, lo sai quanto il Sommo ti stima e ti vuole bene… Ha per te grandi progetti. Vuoi forse deluderlo?”
Il Sodale -mentre faceva di no con la testa- sentiva però salirgli prepotenti due lacrime agli occhi che non riuscì a reprimere e sussurrò: “Ho capito… Se è così che funziona la Pallamano qui da noi…” poi entrambi si abbracciarono con slancio, come a voler suggellare un patto.
Che paese strano dev’essere, questa Nuova Zelanda.

grillosaggio@iltiro.com
Il "grillosaggio" spara RC