| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet

 INDIETRO 
INTERVISTA AD ANDREA BENELLI


Andrea Benelli, nato il 28 giugno 1960 a Firenze, città dove vive con la moglie e i due figli Giulia, di 22 anni, e Niccolò, di 18, è il campione italiano 2005 di skeet.

Atene 2004
Nuova disciplina per Andrea?
Andrea Benelli con l'Ing. Carlo Ferlito.
Un ricordo dalla Grecia...
Il Beretta DT10 Trident.
Benelli e il fucile UGB25 Excel.

14/11/2005

Andrea, poche settimane fa, sulle pedane del TAV Falco (S. Angelo in Formis - Caserta), hai vinto il Campionato Italiano di Skeet per la 7^ volta.
Puoi fare un breve commento a questa gara? Chi sono stati i tuoi avversari più temibili? Ti aspettavi questo successo?

7 campionati italiani di massima categoria sono sicuramente un traguardo difficile da raggiungere.
Per me e' un motivo di grande soddisfazione, considerato inoltre il fatto che il livello tecnico in Italia e' sempre stato molto elevato.
Da considerare inoltre è che il primo Campionato Italiano di Eccellenza l'ho vinto nel 1981 e l'ultimo nel 2005 ... rimanere ad alti livelli per cosi' tanti anni mi soddisfa enormemente.
La gara come sempre e' stata tecnicamente molto difficile visto l'ottima qualità degli avversari e anche il risultato 147 su 150 conferma il mio buono stato di forma.
Sapevo di attraversare un buon momento, visto anche l'ottimo risultato conseguito ad agosto in Coppa del Mondo in Brasile (terzo con 148 su 150), quindi speravo di fare una buona gara.

Dopo Atene avevi espresso l'intenzione di smettere con l'attività agonistica.
Cosa ti ha fatto cambiare idea?

Dopo l'oro ai Giochi Olimpici di Atene dichiarai di volere cessare con la carriera agonistica ma purtroppo o per fortuna, questo lo giudicherà chi leggerà l'articolo, per amore del mio sport e per la voglia ancora intatta dentro di me di confrontarmi con gli altri nelle manifestazioni importanti ho deciso di continuare fino al momento in cui capirò di non poter più vincere le gare.


Quanto tempo dedichi all'allenamento?

Dipende chiaramente dal periodo, ma devo dire che gran parte del mio tempo da molti anni è dedicato alla preparazione sia fisica che tecnica.


Chi sono i tiratori di Skeet che, a livello mondiale, stimi maggiormente?

Ennio Falco, Vincent Hanckock, Tore Brovold, George Achilleos, James Graves, ma ce ne sono tanti altri.


Quali sono attualmente i migliori tra i giovani azzurri dello Skeet?

In questo momento i piu' forti sono Cristian Eleuteri e Valerio Luchini, ma altri giovani saranno in grado se ben seguiti dalla federazione di fare molto bene.


Come vedi il futuro dello Skeet in Italia?

Qualitativamente bene. Sulla quantità la FITAV dovrà lavorare un po' meglio.


Da chi sarà composta secondo te la squadra di Skeet che parteciperà alle Olimpiadi di Pechino 2008?

Pechino 2008... giro la domanda al Dott. Fazi; io chiaramente lottero' per partecipare alla mia sesta Olimpiade.


Cosa faresti tu per favorire la diffusione della pratica del tiro a volo in Italia?

Non e' semplice rispondere in maniera sintetica ma ci proverò:

1 Istituire centri federali con il coinvolgimento diretto dei tiratori più importanti
2 Facilitare tecnicamente per i principianti tutte le discipline olimpiche
3 Coinvolgere in maniera maggiore sponsors e mezzi di comunicazione
4 Facilitare economicamente l'attività a tutti i giovani che si avvicinano agli impianti di tiro


Ti capita mai di sparare al Trap, al Double o all'Elica?

Difficilmente sparo ad altre discipline.


I tuoi prossimi obiettivi sportivi?

La finale Coppa del Mondo 2005 delle discipline olimpiche a Dubai (Emirati Arabi Uniti) a novembre.


Com'è il tuo rapporto col ct della nazionale di Skeet Francesco Fazi?

Il mio rapporto col mister si può definire con una sola parola... perfetto !


Che fucile usi?

Il mio fucile è un Beretta DT10 Trident.


Che cartucce usi?

Baschieri & Pellagri.


Quanto tempo dedichi alla cura del tuo fucile? Hai un armiere di fiducia?

Non sono un fanatico della cura delle armi, mi affido periodicamente alla grande professionalità degli armieri, dei tecnici e degli operai Beretta.


Ci puoi parlare delle caratteristiche tecniche del tuo modo di tirare ?

Nasco come un tiratore che si può definire un miratore, ma credo che la mia grande capacità sia stata quella di adattarmi a tutti i numerosi cambiamenti tecnici dello Skeet.


Ci puoi dare un po' di caratteristiche tecniche sulla tua attrezzatura ?

DT 10 Beretta Trident con canne da 71 cm.; prima canna cilindrica, seconda 2 decimi di strozzatura.
Cartucce Baschieri & Pellagri F2 Mach, chiaramente 24 grammi.


So che gestisci un campo da tiro; dove ? per quali discipline è attrezzato?

Il mio è un campo per percorso di caccia itinerante , disciplina veramente affascinante, in provincia di Arezzo; esattamente a Ponticino, comune di Laterina.


So anche che hai un agriturismo in Toscana. Ti impegna molto? Come fai a conciliare questa attività con quella sportiva?

Sì, è vero; si trova vicino a Firenze e si chiama Agriturismo Petrognano; al suo interno c'e' anche un campo di Skeet dove io mi alleno e faccio scuola.


Quali sono i tuoi hobbies ?

La caccia e calcio ( grande Fiorentina !).