| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet

 INDIETRO 
L'OCCHIO VIGILE

Torna alla home di "l'occhio vigile"
Commenta questo articolo nel GUEST BOOK del sito
Scrivi a Ludovico Di Maio all'indirizzo mail ludodimaio@iltiro.com


GRAN PREMIO DI SKEET DI ARZACHENA 2010
2 agosto 2010

Skeet ad Arzachena aspettando i mondiali.
All’inizio della stagione agonistica l’idea di un GP skeet in Sardegna destò in alcuni qualche perplessità in merito alla scelta della sede, fuori dal circuito classico delle sedi delle gare da skeet, sia per i costi sia per la localizzazione nell’alta stagione. Invero il gran premio di Arzachena sarà ricordato tra i più piacevoli delle ultime stagioni sia per gli impianti pressochè perfetti sia dal punto di vista della visibilità che dei lanci, sia per la cortesia e la gentilezza del team presieduto dal presidente Muzzu, e non da ultimo per la possibilità di trascorrere qualche ora di relax nei mari tra i più belli del mediterraneo.
A guastare un pò la festa si era messo un fortissimo maestrale nella giornata di sabato, che oltre ad alterare le traiettorie dei piattelli, creava seri problemi con i phono-pull, per cui il Coordinatore della gara ha preso la saggia decisione di ridurre a 50 i piattelli del Sabato e di far disputare la terza serie nella giornata di domenica annunciata senza la presenza di maestrale. Saggia pure la decisone di non utilizzare il campo 1 ultimato nei giorni precedenti la gara e non ancora rodato accuratamente e di lasciar disputare la gara sui 4 campi storici perfettamente identici fra di loro.
Nella gara si assegnavano i pass per la finale di settembre a Ravenna ed era l’ ultimo test prima dei mondiali di Monaco. Assente qualche tiratore già qualificato (Polidori , Forlano , Bertossi, Forti) per la vittoria finale è stato un rush fra i più forti tiratori di cui oggi disponiamo : il Carabiniere Valerio Luchini e l’Agente Scelto Ennio Falco del Gruppo Sportivo Forestale.
Nell’occasione l’ha spuntata Luchini presentatosi alla finale con un piattello di vantaggio (121 a 120) e capace di concludere la finale senza errori concludendo la gara a 146 prendendosi la rivincita del gran premio precedente dove fu battuto allo shoot-off proprio da Falco. Al terzo posto l’emergente Marco Sablone delle Fiamme Oro che ha regolato nello shoot-off il collega pari grado Giancarlo Tazza (vincitore del GP di Valle Aniene) entrambi appaiati a quota 141/150.
Giusto premio per questi due ragazzi che risultano tra i più costanti della stagione.
In leggero ritardo gli altri azzurri Eleuteri, Lodde, Filippetti e Sacchetti.
Buone notizie dal comparto juniores dove i campani Angelo Moscariello e Tammaro Cassandro ( indubbiamente attualmente i più validi del comparto juniores) hanno dato vita all’ennesima sfida all’ultimo piattello. Entrambi appaiati a 118/125 hanno regalato agli spettatori una finale senza errori e allo shoot off Tammaro ha prevalso per 9 a 8 sull’avellinese. Sarà proprio Angelo Moscariello il terzo componente della squadra che rappresenterà l’Italia Senior ai mondiali di Monaco, mentre Tammaro Cassandro, Stefano del Prete e Gabriele Rossetti saranno gli junior scelti dal CT Fazi per l’appuntamento iridato. Indubbiamente il valore di Moscariello è indiscutibile. Trattasi di un ragazzo dalle potenzialità enormi che ha già dimostrato una certa affidabilità in campo internazionale ( Bronzo ai mondiali e agli Europei juniores) ed è forse uno dei pochi che ha nelle proprie canne il 121 facile e tra l' altro è dotato di una tecnica sopraffina. A parte la fiducia che il CT ripone in lui, la sua convocazione a sorpresa nel comparto senior suona anche come una bocciatura per gli altri senior del giro azzurro ( Eleuteri, Filippetti, su tutti) che forse hanno deluso nelle occasioni loro concesse anche se occorre precisare che la mancanza di successi in gare ISSF è un problema che affonda le sue radici da alcuni anni visto che a parte Falco e Benelli l’ultimo successo azzurro nelle gare maschili porta la firma di Eleuteri (2003) e ancor prima dobbiamo risalire al successo Genga nel 2000 ( campionati europei).
Sull’onda dei successi di Hancock e Terras il nostro CT sposa la linea giovane gettando nella mischia il golden boy italiano Moscariello ( classe 90) nel circuito Senior insieme al 42enne Falco e al 27enne Luchini ossia la sintesi di tre generazioni skeet. Speriamo che da questo mix esca il nuovo Campione del
Mondo (ultimo successo : GENGA 1999) o quanto meno qualche carta olimpica tra le 5 messe in palio nella prima occasione del nuovo ciclo olimpico che porterà a Londra (senza aspettare l’ultima gara come è successo nello scorso quadriennio).
Ennio Angelo e Valerio, ma anche le ragazze e i junior, hanno tutte le potenzialità per farci sognare e farci stare incollati al PC il prossimo 9 e 10 agosto.

Ludovico Di Maio


Torna alla home di "l'occhio vigile"
Commenta questo articolo nel GUEST BOOK del sito
Scrivi a Ludovico Di Maio all'indirizzo mail ludodimaio@iltiro.com