| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet


SIETE SU UNA VERSIONE NON PIU' AGGIORNATA DEL SITO

Per andare al nuovo sito visitate la pagina
WWW.ILTIRO.COM

CLICCARE QUI


 INDIETRO 
ANCORA UNA VOLTA E’ NATALE!
Stampa questa pagina
Nel mirino del grillo
(passano gli anni in Pedana, ma poi arriva sempre Natale)


25/12/2009 - ore 19:43

Dopo tanti anni, ancora una volta auguri di buon Natale a tutti i lettori della rubrica del “Grillo Saggio", ai frequentatori –a vario titolo- di questo sito e ai Tiratori/Cacciatori che utilizzano cartucce della nota ditta romagnola “RC”, anche se quest’ultimi non dovessero leggere la presente o non conoscono i brani dello scrivente.
Buon Natale a quelli che nel corso del 2009 hanno cambiato tre calci al loro fucile da Fossa presso altrettanti “Mastro Geppetto” al Paese dei Balocchi e hanno ancora il livido nell’incavo della spalla e la faccia segnata sotto lo zigomo destro.
Buon Natale a quelli che in Gara, tra una serie e l’altra dopo aver fatto 22 alla prima, vanno al bagagliaio della macchina per cambiare il calcio al fucile e montarne un altro più dritto, sostenendo che stanno “sparando sotto” ai piattelli.
Buon Natale a quelli che scelgono le cartucce in base al prezzo e fanno centinaia di chilometri per recarsi in province remote a comprare quelle caricare con la “STRADITE” (la nota “Polvere di Strada”) col rinculo che spacca la faccia, perché “a questo prezzo dalle nostre parti non ci compri nulla”!
Buon Natale a quelli che si lamentano sempre che i costi globali del Tiro sono diventati insostenibili e pertanto hanno deciso di abbandonare tale pratica per mettersi a giocare a golf oppure comprano un cabinato da 14 metri e vanno per mare con l’amante bielorussa di 27 anni, definita “più economica”.
Buon Natale a quelli che sui Campi del Regno trovano sempre i piattelli “fuori tempo”, con angolazioni impossibili e che vanno a cadere a 120 metri, in presenza di scarsa visibilità, sole in faccia, vento alle spalle e pioggia battente pure a Ferragosto.
Buon Natale a quelli che “le Eliche difficili e di sfondata” dalla prima e dalla quinta cassetta escono solo a loro e, oltretutto, assumono traiettorie improbabili, mai viste prima: quelle che, se colpite, il testimone batte sulla rete e cade comunque fuori.
Buon Natale a quelli che si lamentano che il “Double Trap” non decolla come disciplina di massa ma resta sempre confinato ad una “nicchia” di pochi praticanti/eletti e non vogliono capire che per noi T.G.M. (= Tiratori Generici Medi) è già difficile prendere un piattello alla volta, figurarsi due; mentre a volte è duro trovare il necessario anche per fare una serie di prova da 25 e raddoppiare i costi “così tanto per…” non è proprio il caso.
Buon Natale a quelli che dal prossimo anno non andranno più a sparare con la scusa che li hanno inopinatamente passati alla Categoria (federale) superiore e così non potranno più vincere nulla nelle Gare serie, dove ci sono “quelli che bastonano”, mica i “prosciuttari” delle Gastronomiche!
Buon Natale a quelli che hanno messo in vendita il fucile perché devono comprare la macchina nuova alla moglie.
Buon Natale a quelli che, se pagano un fucile più di mille euro o un pacco di cartucce più di 4 euro, vorrebbero poi fare sempre 25, come se bastasse una penna “Mont Blanc” per scrivere in bella grafia.
Buon Natale a quelli che fanno tanta strada per andare a fare una Gara e poi, giunti sul Campo, la trovano annullata per carenza di partecipanti e si mettono a fare qualche Elica di prova per non tornarsene a casa “con la voglia”.
Buon Natale a quelli che avendo un sovrapposto “Beretta” vorrebbero cambiarlo con un “Perazzi” e viceversa, in un eterno minuetto di permuta e scambia che tiene indubbiamente desta l’attenzione, ma non aiuterà certo a rompere un piattello in più.
Buon Natale a quelli che “l’anno prossimo mi metto anch’io a sparare al Percorso di Caccia perché la Fossa mi ha proprio stancato…”, eppoi li trovi sempre lì, a chiamare davanti alla buca.
Buon Natale a quelli che ti spiegano il perché una cartuccia “rompe meglio” all’alba e perché un’altra invece “fuma” i piattelli al tramonto e non sanno nemmeno con quali polvere sono caricate.
Buon Natale alle vittime dei “falsi maestri”, personaggi di vario aspetto ed estrazione che sui Campi del Regno cercano neofiti da irretire per poi sentirsi importanti ed atteggiarsi ad esperti, in cambio di un piatto di pasta al ristorante della “club-house”.
Buon Natale a quelli che si lamentano di tutto su tutti i Campi e non cambiano mai disciplina né impianto, ma continuano a frequentare gli stessi posti per potersi continuare a lamentare.
Buon Natale, infine, a tutti i Componenti (nessuno escluso) della nostra Magna Federazione che, incurante delle lamentele (giuste o sbagliate) di tutti noi, continua imperterrita per la sua strada, facendo quel poco che sa fare così bene ed omettendo di fare buona parte di ciò che dovrebbe per timore di sbagliare, ma non rompendo comunque le scatole a nessuno, in modo che ciascuno possa continuare a sua volta a regolarsi come gli pare, all’insegna del sempre valido motto: “Se vi sta bene qui è così, sennò potete anche andare a pigliarvela… nello stoppino!”
Tanto siamo affezionati/abituati a questo modo di operare che, se all’improvviso le cose cambiassero veramente cominciando a funzionare e venisse tenuta in considerazione la massa dei Praticanti e le loro più elementari esigenze, saremmo tutti spiazzati a tal punto da finire per rimpiangere l’attuale situazione.
Ma per questo non crediamo ci sia pericolo, dal momento che -nell’attuale situazione “articolata e complessa”- molti sembrano aver trovato la propria dimensione ideale, che gli consente anche (e soprattutto) di aggiustarsi le classiche due uova nel piatto, che ormai sono un diritto acquisito.
Qui da noi, il Tiro a Volo è un grande Sport proprio perché ognuno ci sta dentro come gli pare…
A tal proposito, buon Anno Nuovo: e la giostra ricomincia!

Grillo Saggio

(grillosaggio@iltiro.com)
Il "grillosaggio" spara RC