| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet


SIETE SU UNA VERSIONE NON PIU' AGGIORNATA DEL SITO

Per andare al nuovo sito visitate la pagina
WWW.ILTIRO.COM

CLICCARE QUI


 INDIETRO 
FIOR DI ELICHE, MICA CAVOLI...!
Stampa questa pagina
Nel mirino del grillo
(quanto è più agevole la strada di casa quando dopo una gara si rientra da vincitori)


01/11/2005 - ore 11:40

Gara di cartello all'Elica (con montepremi degno del Piccione), in una tiepida domenica di fine-maggio.
Parto dalla Malpensa alla volta di Ghedi (BS). L'andatura è buona: sull'autostrada la domenica mattina non c'è molto traffico e sono sempre poco oltre i limiti con una rombante BMW da 160 cavalli, in prestito.
Arrivo sul Campo temendo -chissà, forse per la coda in uscita al casello verso i laghi- di aver fatto tardi; lascio la vettura dove capita in un angolo dell'enorme piazzale soleggiato e corro in Segreteria: nessun problema, si può sparare anche subito; fra 6 o 7 tiratori già chiamati in pedana.
Va bene: iscrizione, "marche in scarsella" e fuga in Armeria.
Fucile pronto e montato in pochi istanti, cartucce "RC4 Piccione-Electrocibles" nere da gr. 36 del n. 8 sul banco (davvero efficiente questo servizio) ed è subito la chiamata al tiro!
Pedana centrale: tre eliche fumate! Sembra una buona giornata.
Si cambia campo: altre tre eliche frantumate e avanti ancora così fino a 12!
Serie, con tre seconde canne: magari sempre!
Interminabile attesa per la finale: niente caffè, telefonate "scaramantiche" ai Colleghi fissati che si trovano su altri Campi, dicendo loro "ZERI a BIROLU'..." (cioè, "zeri quanti ne volete"), mentre ho in tasca la serie.
Intanto, mentre si consuma lento un "Montecristo" cubano in corpose volute di fumo, ripenso a quante volte ho vissuto un momento così, in attesa di una qualche finale importante, temendo lo zero al primo bersaglio e chiedendomi quante "marche" avrei dovuto prendere in Segreteria per disputare la seconda parte della gara: intanto prendiamone 6, poi si vedrà!
Finalmente in pedana: nel campo centrale, insieme ad altri pochi fortunati (o "bravi"?).
"Betting" e pubblico alle spalle dei Tiratori in religioso silenzio: prime tre eliche di finale frantumate.
Si va avanti: altri si perdono per la strada e si allontanano dalla pedana verso le loro macchine nel piazzale, chi in silenzio e chi imprecando...
Seconde tre eliche di finale: siamo rimasti in tre. Premio diviso, si spara per il trofeo.
Un concorrente sbaglia la prima elica dopo la divisione: che coincidenza!
Io sbaglio la terza, purtroppo!
Un altro le prende tutte e vince.
Bene: un secondo posto fa sempre piacere!
Podio: applausi, commenti, pacche sulle spalle, battute invidiose, veleno "inzuccherato", affetto dei conoscenti.
Fucile subito smontato e pulito in Armeria, valigetta pronta sul bancone con i complimenti dell'Armiere: un vero signore!
Cassa: "palanche pronte", detratte le spese 763,00 Euro per la nostra soddisfazione.
Viaggio di ritorno: stà facendo buio e la strada è lunga.
Seriate, poi Agrate verso "Pero - Cormano": cominciano le code da rientro della domenica sera. Siamo in viale Zara; ceneremo in centro a Milano: pesce!
Mi accendo un sigaro "COHIBA" da 6 Euro: "Bene" penso, "il genio finisce sempre per avere partita vinta."
Con questo pensiero mi metto in coda tra l'ammasso enorme di autovetture che sembra non dover mai finire. Guido con cura e cortesia infinita; canticchiò fra me il tema centrale del "Concerto per Violini ed Orchestra" di Piotr Ilic Ciaikovski, al quale ho adattato delle parole per conto mio, che fanno così: "Vittoriosi, saremo ancora vittoriosi... Oh, di nuovo sarem sul podio, podio, podio...".
Siedo al volante con 763 "pippi" puliti in tasca, circondato da perdenti imbufaliti, a bordo delle loro automobili non finite di pagare e già ammaccate, che danno sfogo alla rabbia, si sfidano, rischiano la morte e l'invalidità, fra scatti e sterzate, nessuno cede un palmo a quell'altro.
Mi fermo allo "STOP" sulla tangenziale. Dietro me, almeno 45 macchine invelenite; qualcuno suona: io niente. Poi, la macchina addirittura si spegne (forse, è ingolfata...).
Attendo qualche istante: poi metto in moto e il motore si avvia; strizzo l'occhio al vigile e pigio sull'acceleratore. Me la filo via tranquillo, fra lo smog della notte incombente.
Dopotutto la vita a Milano non era malvagia: un buon Tiratore riesce sempre a farcela.

grillosaggio@iltiro.com

(nella foto: l'Autore a cena a Milano, dopo una gara ben riuscita all'Elica).
Il "grillosaggio" spara RC