| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet


SIETE SU UNA VERSIONE NON PIU' AGGIORNATA DEL SITO

Per andare al nuovo sito visitate la pagina
WWW.ILTIRO.COM

CLICCARE QUI


 INDIETRO 
LA REPUBBLICA DELLE BANANE
Stampa questa pagina
Nel mirino del grillo
(“…tirano bombe che ammazzano le persone ma risparmiano gli scoiattoli”)


29/02/2008 - ore 23:37

Preciso subito che il sottotitolo non è mio, ma sono parole tratte da una nota canzone di Francesco De Gregori. “E che c’entra?” si chiederà qualcuno…
Il concetto c’entra e fa riferimento alla nostra repubblica del titolo, laddove sembra vi sia il gusto di rendere la vita difficile a chi lavora e crea lavoro, ignorando di contro tragiche realtà quotidiane che sono sotto gli occhi di tutti. Mi riferisco, in particolare, al vezzo –attualmente molto di moda- di inquisire e (possibilmente) far chiudere i Campi di Tiro, col pretesto dell’inquinamento ambientale!
Non passa mese, infatti, che noi appassionati di Tiro nella citata repubblica non perdiamo per strada qualche pezzo di quelli buoni… Qualche impianto di quelli funzionanti e ben attrezzati cessa “temporaneamente” la propria attività, con danno per tutti i praticanti, e talvolta non riapre mai più.
Dice che il piombo inquina l’ambiente (manco fosse seminato a pioggia dai bombardieri americani “B52”…) e pertanto spareremo quanto prima cartucce caricate con pallini di ferro (che quelli no, non inquinano!).
Il piombo poi è deleterio soprattutto quando –sparato dai Tiratori- ricada nei corsi d’acqua, inquinando il letto dei torrenti e le falde acquifere sottostanti… Ma allora, visto che siamo stati tutti allevati bevendo l’acqua del rubinetto che scorreva nelle tubature di piombo degli acquedotti comunali, come mai non siamo già morti tutti di “saturnismo”? Boh… misteri della scienza!
Comunque, troppo impegnate ad accanirsi contro Cacciatori e Tiratori (quasi fossero i moderni “untori”), le istituzioni non si curano più di tanto delle stragi che ogni fine settimana si consumano sulle strade del Bel Paese. La media è di una quarantina di morti a settimana, ma il progresso non si può fermare, la benzina bisogna continuare a venderla a tutti insieme alla riscossione dei pedaggi autostradali e così… a chi tocca se la tiene! E i controlli? Al di là di qualche operazione immagine a scopo propagandistico-televisivo, chi controlla veramente sulle strade di notte? E di giorno? Poi, chi controlla i Controllori?
Molto più facile rompere le scatole a chi si adopera per far praticare in aperta campagna e in regola con la legge una sana disciplina sportiva, educativa ed incruenta, tacciandolo di inquinatore e “nemico del popolo”.
Avete mai provato a guardare la televisione in certi orari vicini ai pasti o la domenica mattina? Pare che il popolo pensi solo a mangiare, ad abbuffarsi… Dovunque giriate col telecomando troverete esclusivamente programmi di cucina in diretta, ricette in sovrimpressione , preparazioni improvvisate, mani che impastano, imbecilli che assaggiano leccandosi i baffi, strafighe in minigonna col “mestolo” in mano … Che squallore!
Invece avete mai visto un programma sulla guida sicura? Una trasmissione che spieghi -soprattutto ai giovani- cosa fare o non fare quando si conduce un mezzo? Come si devono tenere le mani sul volante? Cosa fare prima e durante un sorpasso? L’utilizzo degli specchietti retrovisori? Come ci si immette da una traversa laterale priva di visibilità? Come si guida sull’asfalto bagnato? Macchè… Siffatte trasmissioni non avrebbero successo… Non si annusano, non si leccano, non si mangiano! Chi se ne importa se ogni sabato notte muoiono decine di giovani tornando a casa dal divertimento?
Ecco, questo è solo un modesto esempio di come funzionano le cose nella repubblica del titolo, ma ce ne sarebbero molti altri e sono nella conoscenza di tutti… Vi ricordate le bombolette spray contenenti il gas “freon”, nocivo per l’atmosfera? Per quanti anni sono state prodotte e regolarmente immesse in commercio, nonostante se ne conoscesse la nocività?
Poi alla fine, quando proprio non se poteva più e tutto il resto del mondo aveva già messo al bando l’utilizzo del “freon” come propellente per gli spray, anche noi ci siamo adeguati… In pochi giorni sono comparse sul mercato bombolette “innocue” che spruzzano i prodotti più vari a beneficio del buco dell’ozono! Ma se era così facile e rapido, perché non averlo fatto prima? A chi ha giovato continuare a far utilizzare per anni ai consumatori ignari il temibile “freon”?
Ma chi si dovrebbe curare di queste e di altre cose parimenti importanti, si dedica invece alla caccia alle streghe a danno di Tiratori e Cacciatori, una categoria di cittadini onesti che lavorano e che pagano il proprio svago di tasca, facendo circolare denaro e portando benessere agli addetti al settore, anch’essi ingiustamente bersagliati quasi fossero dei “devianti”.
Ecco perché aveva ragione De Gregori: da noi anche se si ammazzano le persone non frega niente a nessuno, basta che si salvino gli scoiattoli…

grillosaggio@iltiro.com
Il "grillosaggio" spara RC