| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet


SIETE SU UNA VERSIONE NON PIU' AGGIORNATA DEL SITO

Per andare al nuovo sito visitate la pagina
WWW.ILTIRO.COM

CLICCARE QUI


 INDIETRO 
L'OCCHIO VIGILE

Torna alla home di "l'occhio vigile"
Commenta questo articolo nel GUEST BOOK del sito
Scrivi a Ludovico Di Maio all'indirizzo mail ludodimaio@iltiro.com


CAMPIONATO ITALIANO DI FOSSA UNIVERSALE 2010
4 luglio 2010

Reduci dai successi in terra d’oltralpe ai recenti campionati europei ed in prospettiva del mondiale di Valle Aniene, gli amanti della fossa universale si sono affrontati a Bologna dove si assegnavano gli scudetti dell’anno in corso. Il suggestivo impianto di Casalecchio di Reno, vetusto per alcuni, antico e dal glorioso passato per altri, ha dato il meglio di sé con i suoi otto campi sui quali si sono cimentati i 170 tiratori iscritti, anche questo un dato che si presta ad interpretazioni diverse a secondo del punto di vista dell’osservatore ( pochi se si considera la formula open e la scelta della ben collegato capoluogo emiliano, non pochi se si considera  la congiuntura economica, il periodo affollato di gare, i 40° gradi annunciati  da metà settimana e perché no, lo scarso montepremi ... eufemismo per non dire rimborso spese…). Presenti due degli  azzurri che agli europei hanno primeggiato nel concorso a squadre (Muoio e Viscovo) gli specialisti (nel senso di prediligere questa disciplina…) Avveduto, De Donato, Puccio, ma a farla da padrona sono stati i poliziotti penitenziari Alberto Bartoli (194) e Adriano Lamera (192 +11) giunti rispettivamente Primo e Secondo nella categoria Eccellenza  A rendere ancora più raggiante la giornate del responsabile Aloi anche l’oro nella Prima Categoria di Marco Panizza (194) autore di un eloquente en-plein nel primo giorno e l’argento di Giulia Pintor nel concorso femminile. Il Gruppo Sportivo delle Fiamme Azzurre ( che annovera tra i suoi affiliati tale Giovanni Pellielo) si contraddistingue nel panorama delle forze armate per la sua capacità di presenziare a poche gare e determinate gare e capitalizzare al massimo queste presenze con numerose vittorie, in particolar modo nella gara a squadre “coppa dei Campioni di Fossa Olimpica” nella quale si è alternata negli anni con i rivali colleghi della Forestale che però, dopo i successi di qualche anno fa dei vari E. Bernasconi e R. Viganò nelle ultime edizioni pare non tenere tanto ai titoli individuali in questa disciplina.
La Fossa Universale in Italia ha un discreto numero di proseliti ma paga dazio per l’assenza di campi specializzati. Gli adattamenti che si fanno sugli impianti di Fossa olimpica sono sì un buon surrogato ma non le rendono giustizia. Tra l’altro tale trasformazione si opera solo in occasione di gare per cui manca il vero e quotidiano allenamento sui quei 4 o 5 piattelli tecnici che sono il vero cuore (oserei dire l’essenza…) della disciplina, dato che i restanti lanci sono meno insidiosi rispetto agli standard della  più popolare Fossa Olimpica.
A suo favore anche la formula open delle gare, l’utilizzo dei 28 gr per tutti, e la gara lunga che consente di recuperare qualche serie andata male.
 Tra le modifiche che suggerirei quella di suddividere il montepremi in due ( uno per i 100 piattelli del sabato e l’altro per la domenica) rimanendo ovviamente l’assegnazione dei titoli a 200 piattelli, in maniera tale che anche chi ha tirato male il sabato ha la possibilità di rifarsi la domenica almeno per le spese. Questo arginerebbe il fastidioso fenomeno degli abbandoni nella seconda giornata che spezza le batterie  che la vetusta istituzione della “cauzione” non riesce a contenere, anche perché a memoria non ricordo un tiratore deferito per abbandono…
La stagione proseguirà con tre eventi di primissimo livello: a metà luglio gli atleti in divisa si affronteranno nel campionato individuale e a squadre ad essi riservato; a fine luglio appuntamento con i Campionati del Mondo di Valle Aniene e ad agosto gli assoluti di società.

Ludovico Di Maio



Torna alla home di "l'occhio vigile"
Commenta questo articolo nel GUEST BOOK del sito
Scrivi a Ludovico Di Maio all'indirizzo mail ludodimaio@iltiro.com