| ILTIRO.COM | Il portale del tiro a volo
Work On Web - realizzazione siti internet


SIETE SU UNA VERSIONE NON PIU' AGGIORNATA DEL SITO

Per andare al nuovo sito visitate la pagina
WWW.ILTIRO.COM

CLICCARE QUI


 INDIETRO 
ED E' SUBITO SERA...
Stampa questa pagina
Nel mirino del grillo
(noi siamo ciò che lasciamo nel cuore degli altri)


18/04/2012 - ore 22:32

“Gentilissimo Grillo Saggio,
è stato davvero un piacere fare la Sua conoscenza e soprattutto potermi confrontare con Lei sui diversi argomenti di comune interesse.
Mi farebbe molto piacere incontrarLa nuovamente per cui le rinnovo l'invito a Bologna.
Cordialmente...”

Queste poche righe, manoscritte su un biglietto color avorio col logo aziendale, che tuttora conservo con cura sotto il passamano della scrivania, mi giunsero per posta ordinaria ai primi di settembre del 2009 da una persona speciale, un Uomo serio ed onesto, gradevole e sorridente, appassionato oltremodo del suo lavoro, competente di balistica cinegetica, tifoso di sport che non fossero soltanto la Caccia ed il Tiro, com'è invece per molti di noi.
La visita a Marano di Castenaso, presso lo stabilimento di produzione della “Baschieri & Pellagri” non si fece all'epoca (per svariati motivi pratici e logistici), non è stata fatta successivamente fino alla Pasqua di quest'anno e -purtroppo- non si farà più, dal momento che il 13 aprile scorso l'amico Nerio Cicotti è prematuramente scomparso.
Il suo decesso -secondo l'arido linguaggio burocratico dei referti- è da attribuirsi a “cause naturali”, cioè ad una patologia statisticamente frequente ma in realtà egli, per noi che lo abbiamo conosciuto, è venuto a mancare in uno di quei modi repentini e senza scampo, che lasciano prostrato chi resta, senza parole di conforto da saper dire e né voglia di ascoltarne, fortemente scosso e senza lacrime! E' pur vero che quando uno qualsiasi muore per una qualche grave malattia sembra quasi che sia una cosa inevitabile, lo scherzo del destino “cinico & baro”, la fine naturale di un'esistenza come tante. Ma se chi viene a mancare è una persona “speciale”, importante per molti altri, troppo giovane per finire così da un momento all'altro, una di quelle di cui non si può immaginare di continuare a campare dopo come se niente fosse accaduto, allora la sua definitiva assenza non può essere banalmente accettata e tanto meno può essere spacciata come “naturale”... Una cosa così, per la violenta brutalità sui sentimenti e lo strazio nell'animo di quanti hanno voluto bene a Nerio Cicotti, non può avere nulla di “NATURALE”, anche se tale termine è burocraticamente corretto.
Va detto, per amore della verità, che chi scrive non può millantare la condivisione di mirabolanti avventure di caccia, né “settimane bianche” trascorse insieme e neanche trasferte comuni per seguire avvincenti partite di pallacanestro della gloriosa “VIRTUS” di Bologna. Purtroppo, la conoscenza che mi lega tuttora nel ricordo a Nerio non è fatta di tangibili giornate trascorse insieme a far le stesse cose (mi sarebbe tanto piaciuto, se solo ne avessimo avuto la possibilità...), ma nondimeno -e per fortuna- è sostanziata dalla condivisione di passioni comuni, dalla sensibilità verso il mondo sportivo e venatorio al di là e ben oltre i risultati concreti sul campo, dalla volontà e dalla passione di far bene il proprio lavoro e, attraverso questo, di fare del bene agli altri, siano essi Titolari, Collaboratori, Tecnici, Maestranze od anche semplici Clienti della grande Azienda, tutta italiana, che era il suo orgoglio, il “fiore all'occhiello” del suo stile di vita e che sempre ricorreva nelle sue considerazioni, riflessioni, analisi, programmi e progetti futuri.
Queste poche righe non possono rendere la grandezza e la profondità dei sentimenti che Nerio Cicotti ha sempre manifestato verso il suo prossimo, cioè verso noi tutti, purché ne riconoscesse la passione sincera, la buona fede e la volontà di tendere al bene. Sarebbe superfluo ed irrilevante ai fini del dolore in cui ci ha lasciato con la sua scomparsa, elencare qui i meriti professionali dell'Uomo, la “gavetta” iniziata ai primi anni '70 del secolo scorso come semplice Ragioniere a Marano, presso l'Azienda dove anche il padre aveva per anni onestamente lavorato e grazie alla quale aveva degnamente campato la famiglia... Con quell'umiltà orgogliosa e quel connaturato decoro insito nelle trascorse generazioni, i cui sani principi hanno fatto grande il nostro Paese.
A questo punto non vorrei apparire retorico e confesso che non mi sono mai piaciuti quei necrologi in cui chi scrive si rivolge al defunto come se fosse ancora qui tra noi... In tali casi di solito l'autore gli “parla” dandogli del TU e gli dice ogni bene, chiedendo frequentemente “E ti ricordi quando quella volta insieme... ecc. ecc.”.
Mentre, per quanto mi appartiene, intendo qui onorare -con cuore sincero- la memoria di un Uomo “buono” nel senso etico del termine, intellettualmente onesto, che nel nostro ambiente ha fatto tanto per tutti, dedicando la propria esistenza all'Azienda che ha servito fedelmente per tutta la vita, al mondo del munizionamento sportivo e venatorio, agli appassionati. Sempre attento alle esigenze degli altri e pronto alla soluzione dei problemi con un pragmatismo che certamente gli derivava dalla lunga esperienza nella vita di Fabbrica e dalla rara capacità di sapersi porre nell'ottica altrui, allorché vi fosse da dirimere una qualche controversia o comunque trovare un punto di contatto, un accordo, a qualsiasi livello.
La stima sempre riconosciuta a Nerio Cicotti dagli avversari commerciali (la c.d. “concorrenza”), il rispetto per la persona universalmente tributatogli e -ultimo, ma non ultimo- anche l'affetto di quelli come me che, purtroppo, lo conoscevano meno di quanto avrebbero desiderato, sono la prova concreta della giustezza dell'aforisma: "NOI SIAMO CIO' CHE LASCIAMO NEL CUORE DEGLI ALTRI, DOPO LA NOSTRA SCOMPARSA..."
E con questo vorrei salutare per l'ultima volta un Uomo difficilmente sostituibile nei nostri cuori, facile da conoscere ed impossibile da dimenticare... Che riposi per sempre nella pace dei Giusti.

Grillo Saggio
Il "grillosaggio" spara RC